MONDO JAZZ
il blog del portale Tracce Di Jazz.
il jazz da Armstrong a Zorn. notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video
di Roberto Dell'Ava

Stampa

Pilastri della musica

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Intervista al Maestro Bruno Santori: l’uomo che ha eliminato le distanze tra Jazz e Pop con “Jazz&Remo il Festival”

Il Maestro Bruno Santori pubblica “Jazz&Remo”, un album straordinario, con i più grandi successi del Festival di Sanremo in chiave Jazz e pop. Ecco la nostra intervista ad un pilastro della storia della musica.

(...)

Le distanze tra il Pop e il Jazz sono davvero così distanti?

Fare a me questa domanda significa partire già dal presupposto che la mia risposta sia: assolutamente no !
Come possiamo non considerare i contenuti di chiara estetica jazz di un Jamiroquai ,oppure di un Michael Jackson ?
Per non parlare dell’ovvio pop jazz di Mario Biondi oppure di quelle basi chiaramente jazz del nuovo hip hop se non le sonorità d’oltre oceano di un Prince ?

Fonte: http://www.fullsong.it/musica/intervista-al-maestro-bruno-santori-luomo-eliminato-le-distanze-jazz-pop-jazzremo-festival-20509

Stampa

Scopri il falso

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Su Facebook da qualche giorno impazza un gioco, semplice e curioso, che chiede ad ognuno di stilare un elenco di 10 musicisti visti in concerto. Di questi, 9 sono effettivi, mentre uno è falso, nel senso che chi scrive non l'ha effettivamente mai visto dal vivo. Prima che qualche amico mi coinvolga, lo anticipo, ed ecco il mio elenco. Quale è il falso ?

1) Equipe 84

2) Romano Mussolini

3) Soft Machine

4) Nunzio Rotondo

5) Eddie Lockjaw Davis & Harry Sweets Edison

6) M'Boom Re Percussion

7) Bill Evans

8) Douglas Ewart

9) Old and New Dreams

10) Kalaparusha Maurice McIntyre

 

Stampa

Ella 100

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

In occasione del centenario della nascita di Ella Fitzgerald, il 25 aprile, vi propongo alcune fotografie e alcune citazioni che la riguardano.

“Jazz is America’s own. It is played and listened to by all peoples - in harmony together. Pigmentation differences have no place… as in genuine democracy, only performance counts.” - Norman Granz with Ella Fitzgerald 

 

“Whatever Ella Fitzgerald does to my songs, she always makes them sound better.” Richard Rodgers 

Ella Fitzgerald, Club Downbeat, NYC [1949] by Herman Leonard 

 

“I never knew how good our songs were until I heard Ella Fitzgerald sing them”  Ira Gershwin

 

“Man, woman or child, Ella Fitzgerald is the greatest of them all.” - Bing Crosby

Ella Fitzgerald performs at Mr Kelly’s nightclub, Chicago, Illinois, 1958

 

ELLA FITZGERALD, OSCAR PETERSON, ROY ELDRIDGE AND MAX ROACH – BETTMANN ARCHIVE

Stampa

Le persone normali

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Non c’è nulla che non vada nel jazz – davvero – ma oggi i suoi amanti un po’ snob sono al massimo una mezza dozzina. Quelli che hanno meno di cinquant’anni e ascoltano solamente jazz sono probabilmente invasati o snob. Le persone normali sono cresciute ascoltando gli Stones, i Sex Pistols, Elton John, i Nirvana, la Motown, il soul, i Public Enemy o i Beatles. E con buona probabilità li ascoltano ancora. 

Kevin Burton Smith

Fonte: https://www.musicajazz.it/crime-jazz-nei-gialli-un-falso-storico/

Sono arrivato al traguardo dei sessant'anni convinto di essere "normale", ho ascoltato di tutto, soul, r&b, r&r,Beatles & Stones. Continuo ad ascoltare di tutto, classica compresa, ma la musica della mia anima è e rimane il jazz. Ebbene si, sono uno della sporca mezza dozzina, invasato e snob. E adesso, c'è un dottore in ascolto ? Se mi trova "normale" può sempre dare una occhiata all'amico Kevin....

Stampa

Format nuovi

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Guardo il programma. Lo potete leggere anche voi sul  sito. Nelle grandi linee, già si conosceva. Dignitoso, niente da dire. Con alcuni progetti interessanti e una nobile coorte di "soliti noti", da Enrico Rava e Geri Allen a Paolo Fresu, da Dee Dee Brigewater allo spettacolo "Jass" di Franco Maresco con il direttore di Narrazioni Jazz Stefano Zenni fra gli interpreti; e poi altri nomi non banali. Tutto molto elegante. Però, santo cielo: non una prima, non un'esclusiva vera, a parte Napoleon Maddox - non esattamente una superstar... - e alcune "partecipazioni straordinarie" come quella di Anna Boniauto con Rava e Allen. 
Beh, non s'offenda Zenni: il programma è valido, di qualità. Ma per quale motivo un genovese, o un milanese, o addirittura un fiorentino, dovrebbe decidere una gita a Torino per assistere al nostro festival jazz?

(...)
La domanda fondamentale ("In che cosa si differenzia Narrazioni Jazz dal Tjf?") me la risparmia il direttore di Narrazioni Jazz (ed ex direttore del Tfj) Stefano Zenni, anticipando la risposta: egli dichiara spontaneamente che "Narrazioni Jazz è un format assolutamente nuovo che apre grandi prospettive per il futuro, e per un direttore tanto basta".
La "novità", a detta di Zenni, consiste nell'aver dato un tema al Festival, incentrandolo sul rapporto fra musica e altre arti, in particolare la letteratura. 
A me non pare nuovissimo, ma posso sbagliare. 
Zenni sostiene inoltre che la "novità può clamorosa" di Narrazioni Jazz è il metodo utilizzato per costruire il cartellone del festival "off", Jazz per la Città: spettacoli nei quartieri organizzati da associazioni scelte tramite bando pubblico. "E trasparente", aggiunge l'assessore Leon. Zenni sottolinea che "non c'è nessun festival in Italia che strutturi un terzo della sua attività ricorrendo a una call pubblica". 
Chissà perché non c'è. 
Sarò sbagliato io, ma tutte 'ste pretese novità non mi paiono decisive
(...)
la prima domanda è ovvia: quanto costa il Festival, quanto spende il Comune per la comunicazione, e quali sono gli sponsor.
Leon risponde che il Festival costa 550 mila euro, completamente pagati dagli sponsor; incespica sulla spesa comunale per la comunicazione ("Mi pare 120 mila... No, sono 50 mila euro") e elenca gli sponsor: Intesa San Paolo e Iren sono i soliti due main sponsor, c'è una partecipazione di Poste Italiane, RaiRadio3 è media sponsor.
(...)
Dunque: 550 mila euro dai soliti sponsor più 50 mila del Comune per la promozione, per un festival che dura 5 giorni anziché i dieci del Tjf. 
Il Tjf - ultima edizione - aveva 825 mila euro di budget versati dagli sponsor (che non erano soltanto i soliti due) e 120 mila dal Comune, sempre per la promozione.
Quindi, siamo a 600 mila euro per 5 giorni contro 945 mila euro per dieci giorni. A peso, non ci si guadagna.
 
 
Gabriele Ferraris sul suo blog si è sempre occupato del Festival Jazz di Torino, oggi Narrazioni Jazz, con argomenti che ho sempre ampiamente condiviso. Anche in questo nuovo post le sue perplessità sono le nostre: i 5 Stelle tuonavano contro il festival ed i suoi sponsor  quando erano all'opposizione e ora ripropongono pari pari la stessa ricetta, al netto delle distinzioni più di forma che di sostanza. Verrebbe da pensare che, dopo i Casaleggio, abbiano tra i maitre a penser sopratutto Tommasi di Lampedusa...
Ma, a parte le questioni politiche, francamente poco entusiasmanti, quello che non cambia affatto è il prodotto finale. Se il Torino Jazz Festival a fronte di un investimento notevole produceva poco più di una manciata di concerti interessanti, il Narrazioni Jazz non si discosta di molto. 
Condivido il giudizio di Ferraris, si tratta comunque di un programma dignitoso, ma con 600 mila euro continuo a pensare che sia oggettivamente possibile allestire un cartellone più coraggioso.  Detto questo, in bocca al lupo e buon lavoro a Zenni, da parte mia, per confermare quanto detto da Ferraris, me ne rimarrò a casa...
Stampa

600mila Narrazioni

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Quali sono i nomi forti di questo "rinato" Torino Jazz Festival? Di certo l'inaugurazione con lo spettacolo Jass. Ovvero quando il jazz parlava siciliano, di Franco Maresco e Claudia Uzzo, all’Auditorium Giovanni Agnelli. Seguito, il giorno successivo, dal concerto di Dee Dee Bridgewater e dal concerto di Paolo Fresu nella Chiesa di San Filippo Neri (il 21).

Poi, al Piccolo Regio, William Parker (18 maggio), Cristina Zavalloni con un concerto dedicato a Boris Vian (19 maggio) Napoleon Maddox, con un’esclusiva italiana (20 maggio), Antonio Faraò Trio (20 maggio) e Fabrizio Puglisi (21 maggio). E, fra le produzioni originali, l'incontro fra Enrico Rava, Geri Allen e Anna Bonaiuto (Auditorium Giovanni Agnelli, 19 maggio) e il concerto degli allievi del Conservatorio dedicato a Hubert Selby Jr. Da segnalare anche l'incontro fra Vitaliano Trevisan e i Malkuth.

La novità più importante, tutta da verificare nella sua efficacia, è proprio la collocazione a fianco del nuovo Salone del Libro di Torino, dal 17 al 21 maggio. E poi ci sono i progetti paralleli, "Jazz per la Città 2017" e "Torino Jazz Night/Oltre i confini della notte", una notte bianca (il 20 maggio)... Tanta, tantissima roba. Con il rischio – che era già del Torino Jazz Festival – di bulimia di offerta, fra programma principale, programmi secondari e Salone.

Fonte:  http://www.giornaledellamusica.it/news/?num=118853

A prima vista, vien da dire che il Torino Jazz Festival non è morto: si è solo ristretto e ha cambiato nome. Da quest’anno si chiamerà Narrazioni Jazz, durerà cinque giorni anziché dieci, costerà 600 mila euro anziché un milione. Come al solito pagati in massima parte dai soliti “sponsor” Intesa e Iren. Il solito direttore, Stefano Zenni, ha fatto un buon lavoro, come al solito, allestendo un dignitoso cartellone.  

 

 

Niente di nuovo sotto il sole, dunque? 

 

Macché: il Comune, che continua a organizzare il festival tramite la solita Fondazione Cultura, dichiara che in realtà Narrazioni Jazz è un festival nuovissimo e originalissimo. 

 

Mi pare giusto, dato che in passato l’attuale sindaco, all’epoca consigliere d’opposizione, non aveva risparmiato gli strali contro il vecchio Torino Jazz Festival, che considerava la quintessenza di una politica culturale sbagliata, concentrata sui “grandi eventi”. 

 

Dubito però che un festival da 600 mila euro si possa definire un “piccolo evento”. Quindi la diversità di Narrazioni Jazz va cercata altrove. 

 

Secondo il direttore Zenni, la “novità più clamorosa” è il ricorso a un bando per costruire il cartellone off , intitolato «Jazz per la Città»: “Nessun festival in Italia struttura oltre un terzo della sua attività ricorrendo a una call pubblica”. Ci sarà pure un motivo. 

 

Il sindaco indica altri fattori di novità: “Narrazioni Jazz è un festival inclusivo sotto il profilo geografico, dei temi e del metodo”. Inoltre sottolinea la commistione con la letteratura e le altre arti, e lo stretto rapporto con il Salone del Libro. 

 

Il direttore del Salone del Libro, Nicola Lagioia, commenta: “E’ raro trovare altre città europee in cui avvengano eventi come questo”. 

 

In un certo qual senso credo che Lagioia abbia ragione

Fonte: http://www.lastampa.it/2017/04/21/torinna/la-settimana-osette/sommario/la-settimlmaXNZ7hN3rv5lBjUO324lyUP/pagina.ht

Stampa

Ma come è andata a Terni ?

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

 

E’ andata bene, ma abbiamo scherzato. Questa la sintesi della conferenza stampa finale di Umbria Jazz Spring a Terni, tenuta ieri, 20 aprile, a Palazzo Spada dal duo ben assortito composto da Leopoldo Di Girolamo, sindaco e Carlo Pagnotta, direttore artistico. Supporters a latere, l’Assessora alla cultura Tiziana De Angelis e il Vice presidente della Regione, il ternano Fabio Paparelli.

Uno show impagabile in cui la coppia dà vita a qualcosa che sembra somigliare ad alcune gag cinematografiche famose. Una scenetta come quella della celebre domanda al Vigile Urbano di Milano dei Fratelli Caponi (Totò e Peppino) “Per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare? Sa è una semplice domanda….”. Psicologicamente la messa in scena ha la struttura del “non so se mi sono capito”.

Il duo ben assortito nel breve volgere di una oretta riesce a dire tutto e il contrario di tutto. Non fosse altro perché era stata proprio Umbria Jazz, nella persona del Vice Presidente della Fondazione, Stefano Mazzoni, alcune ore prima della conferenza allo Spada, a mettere nero su bianco cosa ne pensava dell’evento (CLICCA QUI). Nella nota ufficiale Mazzoni scrive chiaramente che l’edizione zero, cosiddetta, non è andata secondo le aspettative. Un modo edulcorato per dire che non è andata bene affatto.

 

E in conferenza stampa, Pagnotta, a cui va riconosciuta la capacità di essere franco e determinato come un cazzotto in un occhio, aggiunge “Siccome non mi accontento mai, posso dire che quest’anno abbiamo scherzato, mi aspettavo qualcosa di più anche se le cose sono andate abbastanza bene”. Tradotto in due parole e un numero, 1800 biglietti venduti.

Nella nota stampa a firma Mazzoni, UJ aveva parlato di 1600-1700 presenze per 4 concerti. Ma senza spaccare il capello in quattro, quello che salta all’occhio a Palazzo Spada è la gioia incontenibile degli amministratori cittadini opposta alla felpata cautela del patron Pagnotta, che la coda ce l’ha lunga e sa bene che ci vogliono le persone ai concerti per fare le frittelle.

Un Soldout sicuro come quello di Paolo Fresu (che suona un ibrido, in termini jazzistici, del Laudario di Cortona), o concerti piacioni come quelli di Danilo Rea e Peppe Servillo e i popolari Gospels (anche se non assoluti) stridono con la povertà di pubblico di alcuni concerti dove il jazz o le sue dirette derivazioni si suonavano davvero, (Incognito, Chico Freeman, Sammy Miller etc.).

Continua a leggere qui: http://tuttoggi.info/umbria-jazz-spring-palazzo-spada-bilancio-finale-trionfo-flop-non-ce-maluccio/391322/

Quindi, in conclusione, come avevamo facilmente anticipato, Umbria Jazz Spring è stato un festival raffazzonato, con finanziamenti insufficienti e con un programma di conseguenza. Alla fine, per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare? Mah, vedremo il prossimo anno...