MONDO JAZZ
il blog del portale Tracce Di Jazz.
il jazz da Armstrong a Zorn. notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video
di Roberto Dell'Ava

Stampa

Vietato tossire

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Chi non sta bene è meglio che stia a casa": così il pianista Andràs Schiff è sbottato lunedì scorso al Conservatorio di Milano mentre aveva da poco iniziato ad eseguire la Sonata D 845 di Schubert. Il musicista ha interrotto stizzito l'esecuzione, come racconta oggi Repubblica, a causa di troppi colpi di tosse in sala. Gli appassionati sanno che Schiff non è nuovo a queste reazioni sopra le righe: è lui l'autore di un Decalogo piuttosto noto tra gli amanti della classica, che ogni ascoltatore a suo dire dovrebbe sottoscrivere:vietato anche, ad esempio, girare troppo rumorosamente le pagine dello spartito. Figurarsi tossire o starnutire

Fonte: http://www.affaritaliani.it/milano/tosse-in-sala-il-pianista-si-interrompe-inveisce-sul-pubblico-466356.html

In attesa che qualche festival promuova il duo Schiff-Jarrett, magari sponsorizzato da Ventolin, trovo scandaloso che la tosse di un anziano raffreddato sia stata cosi' villanamente interrotta dal pianoforte di Schiff.

Commenti   

#1 milton56 2017-03-02 19:53
Mi viene da pensare che a molti "vati" che oggi ESEGUONO c.d. "musica colta" gioverebbe non poco far esperienza di condizioni ed ambienti in cui i loro meno fortunati colleghi jazzisti hanno CREATO musica di una bellezza che tuttora resiste anche grazie alla durezza delle condizioni in cui è stata concepita. Anche a voler rimanere nell'aulico campo della musica accademica, sarebbe il caso di ricordare che Brahms doveva molto della sua grande tecnica pianistica e della sua fantasia melodica al fatto di aver fatto per anni pratica del mestiere di musicista nelle bettole del porto di Amburgo. E che dire di Shostakovic, che, amareggiato per vedersi preferito Prokopiev come autore di colonne sonore per i grandi film russi degli anni '30/40, rammentava con orgoglio i suoi trascorsi di pianista accompagnatore di film muti nei cinema di Leningrado, con contorno di accaniti diverbi con i direttori delle sale, che non apprezzavano l'audacia delle sue improvvisazioni . Basta con questo divismo, che spesso sa moltondi ricerca di pubblicità indiretta...Mil ton56
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna