MONDO JAZZ
il blog del portale Tracce Di Jazz.
il jazz da Armstrong a Zorn. notizie, recensioni, personaggi, immagini, suoni e video
di Roberto Dell'Ava

Stampa

Filippo Bianchi ricorda Misha Mengelberg

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Un bel ricordo di Misha Mengelberg scritto da Filippo Bianchi, ex direttore di Musica Jazz e per lunghi anni amico di Misha. Nelle sue parole il ricordo del primo incontro con il pianista olandese e alcuni aneddoti sulla loro collaborazione.

If you know where I am, try and find me.
Lucebert 

“A man’s life touches so many other lives”. This line pretty much summarises the sense of the famous old Frank Capra movie It’s a Wonderful Life. What would have happened if a certain life was not there to make it happen?

When I think about the days of EJN’s birth, the first name that comes to my mind is Huub van Riel’s, because in a way he set the path of the whole thing. Originally, I had thought about it as an association with a very strong market impact and a definite cultural-political view. Huub simply inverted the priorities.

When I think of Huub, we go such a long way back that the circumstances of when and how we met become blurry. But they’re not. We met through Misha Mengelberg. Obviously, I daresay.

Misha was in fact a ‘network person’. He made a point of sharing his friendships. One day in the late Seventies, he invited me to lunch somewhere round the Stedelijk Museum. Arriving at the restaurant I found him in the company of Wim Schippers, his partner in crime of many musical theatre pieces. He didn’t even introduce us, just said “I always thought you two have many things in common and that you should be in touch. So now you can talk between yourselves”. Which was not really the best start for a conversation, but we all know that sprinkling a bit of discomfort was very much his vocation, both in life and music. Although a formidable creator of ‘easy’ melodies (he called them “ear worms”), Misha didn’t like it ‘easy’. No sugar coating.

I’ll try to explain with a little story. Sometimes in the early Eighties a well known Italian theatre group, based in a village near Rome called Genazzano, commissioned us a sort of music theatre work in progress. Chapter one was meant to be just a concert of Mengelberg & Bennink, in the park surrounding the castle where the group was based. They had rented for him a magnificent Bösendorfer grand piano, but forgot to send the plane ticket to Han, so it had to be a solo... About an hour before the concert, an ill-timed cloudburst suggested to move the concert indoors, where only an out-of-tune vertical piano missing a leg, and with several broken keys, was available. No PA. I won’t even try to describe what an unbelievable performance Misha delivered, suffice it to say that driving back to Rome at night I told him “I’ve heard you play so many times and always loved it, but tonight was really special”. He mumbled: “Well, they put me in such a difficult situation that I had to show them”…

Misha was the first musician that not only reacted enthusiastically to the idea of EJN, but contributed contents to give it a shape (others were Paul Bley and George Lewis). It might be useful to remember that all the European large ensembles of that time (ICP Orchestra, Globe Unity, Derek’s Company, LJCO) were internationally based. Their existence in itself inspired the idea of a European network. He immediately saw the potential of a communication structure that was starting to switch from ‘broadcasting’ to ‘narrowcasting’ (according to the brilliant definition of Peter Schulze). But more in general Misha was able to see into the future due to the fact that, as his gentle wife Amy remarked once, he was a formidable chess player. Calculating the implications of every single move was his structure of thought.

As we all know, improvisation is the more effective metaphor of existence, which is – alas – not written but improvised. Misha took that a step forward, to a total identification between art and life. In 1979 a friend and I had a daily broadcast on the Italian ‘cultural’ channel, Radio 3. It was not the ‘talk and music’ kind of programme, though. Every day we had to produce a sort of ‘radio drama’ of ninety minutes, involving live music. In June we had for a whole week in the studio Mengelberg, Bennink and Brötzmann. Schedule was pretty tight. We wrote the scripts at night, made photocopies for the actors and record in the morning, broadcast at 3.30pm. The last day the script was about a middle-aged couple from Venice, driving to Rome in search of her nephew. They are shouting at each other all the time: “You should have turned left, not right!!”; “Your nephew is a jerk anyway, why drive all the way from Venice to find him?!?”; “Watch that car!! You almost bumped into it!”. Apparently the guy had changed job and address many times so in the end they don’t find him and go back to Venice. The whole thing was recorded in the morning in Rome’s traffic, with a Nagra (hands up who remembers what a Nagra is!). At 5pm, when the broadcast was over, Misha stated: “This was the best thing we did so far. The people could have opened the window instead of the radio, and they would have heard exactly the same thing – noises of traffic and people arguing”. Oh yes, that’s life...

So, going back to square one, what would have happened if I hadn’t met Misha Mengelberg at some point? I don’t even wanna think about it. All I can say is that I have been so lucky to “touch his life”, and through him “so many other lives”… In the 30th anniversary of EJN’s foundation, it might be a good idea to conceive something special for Misha. To celebrate his life, rather than his death. Which was, in his own words, “a very boring concept”. And Misha was anything but boring…

Filippo Bianchi
EJN Honorary President
Stampa

Armstrong questa sera su Sky Arte

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Un’attrice, un pianista jazz, un bartender. Music & Cocktail, quarta serie.

Isabella Ferrari, Antonio Faraò, Mattia Pastori. Tre numeri uno per miscelare storie e suoni, umori e atmosfere, sull’arte della mixology e quella del jazz. Un secolo di note servito in un bicchiere, accompagnato da un pianoforte e da una voce.

La prima puntata, in onda martedì 7 marzo alle 20.45 su Sky Arte HD, è dedicata a Louis Armstrong, l’uomo che suona la tromba come nessun altro e le dà una voce umana. Il primo a rompere le barriere razziali in America. E a cacciare i Beatles dall’hit parade con Hello Dolly.

La serie continua martedì 14 con la puntata dedicata a Charlie Parker.

Stampa

Il futuro di Aperitivo in Concerto

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

 

E' finita ieri con l'esibizione del quartetto di Daniel Zamir la 32 stagione di Aperitivo in Concerto al Teatro Manzoni di Milano. Sulle pagine milanesi de La Repubblica, sempre ieri, una intervista a Gianni Gualberto, direttore artistico, che non scioglie le ombre sul futuro della rassegna. Ecco alcuni passaggi:

Un Rimpianto ?

Non aver portato John Zorn. Avrebbe potuto presentare il progetto che ha realizzato con Terry Riley. Ma i costi erano fuori portata.

Qualcuno l'accusa di non portare italiani sul palco del Manzoni.

 

Perchè a me è sempre interessato il dialogo con culture altre. Noi insegnamo a loro, loro insegnano a noi. Milano è una città polietnica che non ha un grande rapporto culturale con le minoranze. Qualche anno fa abbiamo portato Mulatu Astatke, grande musicista africano, e la sala si è riempita di eritrei e etiopi.

Quindi niente italiani.

Prendevo Bollani, Rava e Fresu e rimpivo il Manzoni. Ma dov'è il merito ?

Il futuro dove porta ?

Sto lavorando alla prossima stagione di Aperitivo in Concerto, ma prima vorrei verificarne la sopravvivenza. Il budget sarà inferiore, le aziende non nascono per finanziare stagioni musicali, quindi vediamo cosa accadrà. 

Stampa

Le prime volte

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Chi vive di jazz ricorda il primo incontro con questa splendida musica. Come avvenne il tuo? 

Mia madre conosceva a menadito alcuni passaggi di opere memorizzati nella sua giovinezza. A parte questo in casa si ascoltava anche musica leggera che passava dalla radio e in tivvù. Da ragazzino poi avevo preso gusto ad ascoltare le canzoni seguendo la storica Hit Parade di Lelio Luttazzi. Un giorno, avevo tredici anni, chiacchierando di musica con un mio amico col quale ci scambiavamo i nostri primi 45 giri - Battisti, Beatles - non so perché e non so chi dei due, ad un certo punto disse: “Sai, magari potremmo ascoltare… come si chiama… Louis Armstrong!” Lì è iniziata una reazione a catena che non si è più interrotta, fino ad oggi. Cominciai a cercare dei programmi di jazz alla radio e a registrarli col mio gelosino. Nel marzo del 1970 adocchiai in edicola una rivista con una bella testata rossa, Musica Jazz. La comprai e la lessi dalla prima all’ultima parola. Dopo un paio di album di jazz samba di Stan Getz e il Gerry Mulligan della Salle Pleyel, consumai un “The Best of Ornette Coleman”. Quando poco tempo dopo ascoltai “Free Jazz” mi sentii perfettamente a mio agio dentro frasi, ritmi e stilemi che avevo interiorizzato attraverso il The Best. Poi ci fu “Bitches Brew”. Intanto continuavo ad ascoltare accanitamente i Beatles e adoravo Jimi Hendrix. I Led Zeppelin, ma mi piacevano anche i Chicago… anche se nel rock non trovavo quel quid che invece sentivo istintivamente nel jazz, e guarda caso, in Hendrix. A quattordici anni i miei eroi erano neri: Bird, Ornette e Jimi.

Fonte: http://www.andymag.com/component/content/article/40-in-evidenza/1936-marcello-lorrai.html

Ho tre anni in più rispetto a Lorrai, e appartenendo alla stessa generazione in queste sue parole ritrovo molte esperienze comuni alla prima fase di innamoramento della musica e della scoperta del jazz.

Io ascoltavo Jefferson Airplane, Frank Zappa, Grateful Dead, Jimi Hendrix, ma la scintilla scoccò con due concerti: i Soft Machine appena orfani di Robert Wyatt (Bergamo, 1971) e, prima ancora, Nunzio Rotondo (Lovere, 1970).

Fu quest'ultimo che durante il suo concerto parlò di Miles Davis e dell'album appena uscito, Bitches Brew, consigliandoci di cercarlo e di ascoltarlo. Impresa non facile all'epoca, ma alla fine, riuscito a procurarmi il doppio album, invece che il piacere istantaneo provato durante il set di Rotondo sperimentai la difficoltà all'approccio di quella che allora mi parve una musica ostica e difficile.

Solo tempo dopo, dopo tanti ascolti variegati e diversi concerti (fondamentale un quintetto al Lirico di Milano capitanato da Muhal Richard Abrams), provai di nuovo a mettere il long playing sul piatto: ecco che, come d'improvviso, una meravigliosa e potente musica mi avvolgeva e conquistava. Ero pronto, finalmente... 

    

Stampa

Leggende

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

E' un mostro ma non fa paura, il suo sassofono è ammaliante e carico di buone cose.

Lui è Kenny Garret, leggenda vivente del jazz di caratura mondiale.

Fonte: http://palermo.gds.it/2017/03/04/live-a-palermo-il-sassofonista-kenny-garret-leggenda-del-jazz_636589/

Raccontava Beppe Grillo quando ancora era un comico: "Se Rocco Buttiglione è un filosofo, allora, Aristotele, che cos'è ?"

Ebbene, Garrett è sicuramente un ottimo sassofonista, ma, via, leggenda pare proprio fuori luogo.....sempre a Genova direbbero: Cala Trinchetto !

Stampa

Misha (1935-2017)

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Dopo una malattia lunga e invalidante se ne è andato Misha Mengelberg, pianista e compositore olandese, figlio del celebre direttore d'orchestra Karel Mengelberg. Un grande musicista europeo non del tutto conosciuto e non pienamente apprezzato nel nostro paese ma anima e cuore di molti progetti, iniziando dalla Instant Composers Pool e proseguendo con i mitici duetti con Han Bennink. Ed è proprio con Bennink che lo vidi per la prima volta nell'estate del 1978 al Bim Huis di Amsterdam. La prima di una lunga serie di concerti, dal duo al trio, al solo e all'orchestra. Lo voglio ricordare curvo sulla tastiera con l'immancabile sigaretta penzolante dalle labbra e l'ironia sottile, contraltare a quella manifesta e spettacolare di Bennink.

Un ritratto ad opera di Marcello Lorrai e datato maggio 2015, quando ormai la malattia era manifesta e la sua orchestra venne in Italia senza di lui:

n settembre, a Ruvo di Puglia, sul palco del Talos Festival faceva effetto ritrovare l’ICP Orchestra e non vedere un pianoforte. Un vuoto raccontato da un documentario del 2013 proiettato in uno dei momenti collaterali ai concerti, Misha and so on di Cherry Duyns: un delicato ritratto di Misha Mengelberg ma anche dei suoi compagni dell’ICP nel duro confronto con la malattia che stava facendo progressivamente scivolare nell’inconsapevolezza un musicista di intelligenza e lucidità tanto rare, un uomo con cui i musicisti dell’ICP, a cominciare da Han Bennink, hanno condiviso decenni di invenzioni musicali, concerti, tournée, tutta una vita in comune. Per chi ha amato Mengelberg, anche conoscendolo soltanto attraverso la sua musica e la sua presenza in scena, un documentario persino difficile da sostenere, ma voluto anche da una associazione che si occupa di pazienti affetti da alzheimer, e la cui realizzazione sarà certamente servita ai suoi amici dell’ICP, che nel film spesso stentano a trattenere la commozione, ad elaborare il lutto.

E dell’elaborazione del lutto anche quell’assenza del pianoforte faceva ancora parte. Misha and so on è stato ripreso in apertura della sua dodicesima edizione da Novara Jazz, che, anche in omaggio agli ottant’anni di Misha (li compirà il prossimo 5 giugno), ha quest’anno il suo focus principale sul jazz olandese, e come clou l’esibizione dell’ICP Orchestra, culmine sabato scorso della prima settimana di programmazione. Nella sala del Museo Tornielli di Ameno, dove il concerto, previsto all’aperto, è stato spostato causa maltempo, il pianoforte c’era. Alla tastiera Guus Janssen, che, anche se la decisione non è ancora definitiva, potrebbe diventare il pianista regolare della formazione. Janssen è un pianista eccellente, e una figura di riferimento del jazz olandese di ricerca, ma nessuno può davvero sostituire Mengelberg, cofondatore nel ’67 assieme a Bennink (collaborano fin dal principio dei sessanta, e sono assieme accanto a Eric Dolphy in Last Date, 1964) e al sassofonista Willem Breuker, altro caposcuola dell’improvvisazione dei Paesi Bassi e in generale europea, dell’Instant Composers Pool: collettivo da cui originano diverse formazioni e sodalizi, fino al coagularsi negli anni settanta (dopo l’abbandono di Breuker, che forma il suo Kollektief, altra formazione-faro dell’improvvisazione europea) dell’ICP Orchestra.

Pianista sublime per sensibilità e cultura, per la capacità col suo tocco di indirizzare l’orchestra, Mengelberg è stato inoltre lo stratega, anche impiegando gustose procedure, dell’imprevedibilità e dell’estemporaneità. Oggi in realtà l’autodestabilizzazione del discorso, un certo delizioso anarchismo, non sembrano più rappresenta un elemento essenziale della pratica dell’ICP. Che però merita certamente un futuro oltre Mengelberg, perchè, come a Novara Jazz si è potuto constatare una volta di più, continua ad essere esemplare sotto diversi profili: nel sofisticato repertorio di composizioni originali e di arrangiamenti, in buona parte di Mengelberg, e nella qualità dei componenti, tutti veterani della formazione; nel portare avanti la logica molto olandese del mix di linguaggio avanzato e di intrattenimento, per quanto non convenzionale; nella capacità di rileggere il jazz storico in maniera non conformista, ma anche restituendone, come è raro sentire, la consistenza; nei rapidi e spesso bizzarri “cambi di scena” musicali; nella dialettica di composizione/arrangiamento e di passaggi improvvisati da singoli o da alcuni elementi della compagine.

Fonte: https://ilmanifesto.it/la-presenza-assenza-di-misha-mengelberg/

Stampa

Ma per piacere........

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Le canzoni di Mino Reitano in chiave jazz in un album

'Mino Legacy', omaggio allo zio da Felice Clemente Quartet

Il jazz di Fabio Concato

http://www.opinione.it/cultura/2017/03/01/perricone_cultura-01-03.aspx

Parlo esclusivamente per i miei gusti e per il mio modo di vedere, e come sempre preciso che nutro comunque rispetto verso i musicisti ed il loro lavoro ma, davanti a siffatte proposte o titoli di magazine, l'impressione è che l'orrore sia appena dietro la porta...

Stampa

Vietato tossire

Scritto da Roberto Dell'Ava on . Postato in Blog

Chi non sta bene è meglio che stia a casa": così il pianista Andràs Schiff è sbottato lunedì scorso al Conservatorio di Milano mentre aveva da poco iniziato ad eseguire la Sonata D 845 di Schubert. Il musicista ha interrotto stizzito l'esecuzione, come racconta oggi Repubblica, a causa di troppi colpi di tosse in sala. Gli appassionati sanno che Schiff non è nuovo a queste reazioni sopra le righe: è lui l'autore di un Decalogo piuttosto noto tra gli amanti della classica, che ogni ascoltatore a suo dire dovrebbe sottoscrivere:vietato anche, ad esempio, girare troppo rumorosamente le pagine dello spartito. Figurarsi tossire o starnutire

Fonte: http://www.affaritaliani.it/milano/tosse-in-sala-il-pianista-si-interrompe-inveisce-sul-pubblico-466356.html

In attesa che qualche festival promuova il duo Schiff-Jarrett, magari sponsorizzato da Ventolin, trovo scandaloso che la tosse di un anziano raffreddato sia stata cosi' villanamente interrotta dal pianoforte di Schiff.